TRANSIZIONE DALLA FEDE SENSORIALE ALLA FEDE PER RIVELAZIONE

download (1).Lirio Porrello

e ritengano il mistero della fede in una coscienza pura. 1Timoteo 3:9

 

Per processo di transizione s’intende il passaggio da una posizione a un’altra. Per quanto riguarda la fede essa è il passaggio dalla fede sensoriale a quella per rivelazione, di cui abbiamo estremo bisogno, visto che spesso parliamo di cose spirituali di cui non abbiamo piena comprensione. Il territorio della fede ad alcuni credenti porta trasformazione, ad altri frustrazione, perché attraverso di loro non si manifesta il soprannaturale anche se credono e pregano.

La predicazione di stamattina si propone di rispondere, alla luce della Parola di Dio, ad alcune domande che molti si pongono e per le quali non trovano le giuste risposte.

Ricordiamo la storia di quel padre che portò a Gesù il figlio epilettico. I discepoli avevano pregato per lui, ma senza successo, e quando il padre si rivolse personalmente a Gesù dicendoGli“ … se tu puoi… aiutaci”, Gesù gli disse: “Se tu puoi credere, ogni cosa è possibile a chi crede” Marco 9: 22-23.
Se riusciamo a comprendere pienamente il significato di quest’affermazione di Gesù, in noi s’innesca una trasformazione grazie alla quale nella nostra vita non dovrebbero esserci cose impossibili.

Gesù ammaestrò molto i discepoli riguardo alla fede, ma come avvenne a loro, anche noi molte volte non riusciamo a manifestare il soprannaturale e ci chiediamo il perché.
L’apostolo Lirio cerca di dare qualche risposta a questa domanda.

Dice che noi abbiamo un’incredulità inconscia e che quando ascoltiamo la Parola predicata, la nostra prima reazione non è di fede, ma di perplessità e di dubbio. Non ci comportiamo come i piccoli fanciulli, che credono a tutto quello che dice loro la maestra perché si fidano di lei. Senza accorgercene, ragioniamo sulla Parola e così facendo non onoriamo Dio. La nostra prima reazione non è quella giusta, perché non riceviamo le cose del Regno come piccoli fanciulli, i quali per prima cosa maturano la fiducia, non la razionalità. Hanno fiducia che il loro padre provvederà a loro e non s’interessano di sapere se lavora o se è disoccupato. Noi, invece, in presenza di situazioni difficili cominciamo a dubitare della Parola e ci chiediamo perché non si realizza quello che promette. Dimentichiamo che ciò che è scritto non avviene automaticamente, ma solo quando ci accordiamo con esso.

Un altro motivo per cui molti sono frustrati riguardo alla fede è il fatto che scambiano per fede quella che si basa sui sensi naturali e che quindi non può produrre risultati soprannaturali. Quello che è naturale produce risultati naturali, quello che è soprannaturale produce risultati soprannaturali.
La fede sensoriale è quella fede che crede a ciò che vede, a ciò che sente, e che determina le nostre convinzioni e le nostre decisioni.
Se ad esempio preghiamo per qualcuno che ha un dolore e sul momento il dolore non passa, siamo portati a pensare che la preghiera non abbia funzionato, perché crediamo più a quello che cade sotto i nostri sensi naturali che alla verità della Parola di Dio. Questa è fede naturale, mentre la fede per rivelazione crede a quello che dice Dio, aderisce alla verità da Lui rivelata e non è condizionata da ciò che vede o sente.
Abramo sapeva di essere vecchio, aveva quasi cento anni, ma non si basava su quello che vedeva, bensì su quello che Dio gli aveva detto. Anche lui, come noi, era partito da una fede sensoriale e attraversò un processo di trasformazione.

Com’è possibile che i discepoli di Gesù, che stettero per tre anni con Lui, pur avendo visto tanti miracoli straordinari, non avessero capito come funziona la fede?
Tommaso aveva visto tanti miracoli, ma non ne aveva ricevuto la rivelazione.

Giovanni 20:24 Or Tommaso, detto Didimo, uno dei dodici, non era con loro quando venne Gesù. 25 Gli altri discepoli dunque gli dissero: «Abbiamo visto il Signore». Ma egli disse loro: «Se io non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi, e se non metto il mio dito nel segno dei chiodi e la mia mano nel suo costato, io non crederò». 26 Otto giorni dopo, i discepoli erano di nuovo in casa, e Tommaso era con loro. Gesù venne a porte serrate, si presentò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 27 Poi disse a Tommaso: «Metti qua il dito e guarda le mie mani, stendi anche la mano e mettila nel mio costato; e non essere incredulo, ma credente». 28 Allora Tommaso rispose e gli disse: «Signor mio e Dio mio!». 29 Gesù gli disse: «Perché mi hai visto Tommaso, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto».

Tommaso dichiarò la sua incredulità e Gesù non lo dimenticò, infatti otto giorni dopo lo riproverò dicendogli: non essere incredulo, ma credente! Quelle parole produssero in Lui un forte pentimento che lo cambiò, ma Gesù gli diede ancora una lezione: “Perché mi hai visto hai creduto, beati quelli che non hanno visto e hanno creduto”. In altri termini, con queste parole Gesù dice che la beatitudine consiste nel credere quando non si vede, sol perché lo dice Dio. La fede sensoriale, dunque, è una forma d’incredulità, è avere fiducia in quello che dicono i sensi, anche se è impreciso. L’apostolo fa l’esempio della temperatura e afferma che non tutti percepiscono allo stesso modo un determinato grado di temperatura, infatti a parità di grado per alcuni c’è freddo, per altri c’è caldo. I sensi naturali sono soggettivi, dipingono una realtà che non è oggettiva, ma soggettiva e personale. Di essi non ci si può fidare.
Tommaso si fidava solo dei suoi sensi, non si fidava neppure dei sensi altrui.
In definitiva dipende da noi: a cosa scegliamo di credere? Scegliamo di credere alle cose che vediamo o scegliamo di credere alle cose che non si vedono e che sono eterne? Se dopo aver pregato il dolore non passa, crediamo al dolore o a quello che dice Dio? Se crediamo a quello che dicono i sensi, in pratica rinneghiamo la verità della Parola.

Un po’ tutti, senza rendercene conto, possiamo commettere quest’errore e piuttosto che vivere per fede, viviamo nell’incredulità.
Quando le nostre esperienze negative si ripetono, ci creiamo dei paradigmi, cioè convinzioni personali che determinano il nostro tipo di fede.
Gesù vuole distruggere i nostri paradigmi mentali per farci diventare come piccoli fanciulli, aperti a ricevere la Sua Parola, invece di poggiare sui ragionamenti che ci impediscono di riceverla.

Proverbi 3:5 Confida nell’Eterno con tutto il tuo cuore e non appoggiarti sul tuo intendimento;
2Corinzi 5:7 Camminiamo infatti per fede, e non per visione (per ciò che vediamo con gli occhi naturali).

Vediamo cosa insegnò Gesù ai discepoli.
Marco 11:12 Il giorno seguente, usciti da Betania, egli ebbe fame. 13 E, vedendo da lontano un fico che aveva delle foglie, andò a vedere se vi trovasse qualcosa; ma, avvicinatosi ad esso, non vi trovò altro che foglie, perché non era il tempo dei fichi. 14 Allora Gesù, rivolgendosi al fico, disse: «Nessuno mangi mai più frutto da te in eterno». E i suoi discepoli l’udirono. 20 Il mattino seguente, ripassando vicino al fico, lo videro seccato fin dalle radici. 21 E Pietro, ricordandosi, gli disse: «Maestro, ecco, il fico che tu maledicesti è seccato». 22 Allora Gesù, rispondendo, disse loro: «Abbiate la fede di Dio! 23 Perché in verità vi dico che se alcuno dirà a questo monte: “Spostati e gettati nel mare”, e non dubiterà in cuor suo ma crederà che quanto dice avverrà qualunque cosa dirà, gli sarà concesso.

Gesù non aveva bisogno di accertarsi che il fico fosse seccato, perché per Lui già lo era nel momento in cui lo maledisse, perché in Dio la Parola coincide sempre con i fatti. Pietro invece si meravigliò del fatto che si fosse seccato.
Gesù, il secondo Adamo, è venuto per mostrarci come viveva il primo Adamo prima della caduta, a mostrarci l’autorità che questi aveva al tempo della creazione e come con la Parola riportava all’ordine le cose che non funzionavano secondo il progetto di Dio. Gesù maledisse il fico perché era un albero da frutto che non portava frutto, come Dio aveva stabilito, e il fico seccò.

È da notare che Gesù non pregò per fare seccare il fico, semplicemente parlò, perché sapeva che quella era la volontà del Padre. Come Lui, anche noi, che conosciamo la volontà di Dio, dobbiamo agire per ripristinare l’ordine quando viene meno. Non dobbiamo pregare perché Dio faccia le cose, come non dobbiamo pregare perché Dio salvi le persone, perché già sappiamo che questa è la Sua volontà e che dobbiamo predicare l’Evangelo ad ogni creatura.
Gesù è venuto a mostrarci l’autorità che abbiamo sulla natura, ma se invece di agire come Lui viviamo secondo le nostre convinzioni mentali, inevitabilmente vivremo nell’insuccesso. Quello che Gesù fece sulla terra, lo fece da uomo, non come Dio. E come Lui, anche noi abbiamo l’autorità, dichiarando la Parola di Dio, di ripristinare l’ordine quando viene meno. I sensi dipingono un mondo che non esiste, ma purtroppo noi restiamo ancorati a quel mondo. Dobbiamo renderci conto che se nella nostra vita spirituale qualcosa non funziona, non è perché la Parola non è la verità, ma perché noi non l’abbiamo capita.

Salmi 119:89 Per sempre, o Eterno, la tua parola è stabile nei cieli.

La Parola di Dio funziona sempre, quello che Egli dice avviene. Chi dipende dai sensi è ancora all’inizio del processo di trasformazione. È così chi ha bisogno dell’imposizione delle mani per ricevere una guarigione fisica. La verità della Parola è il massimo grado della realtà e quando noi ci accordiamo con la verità eterna di Dio e diventiamo tutt’uno con Lui, anche per noi la Sua Parola diventa realtà.

Quando Gesù morì sulla croce, il Padre vide i nostri peccati e la nostra natura di peccato inchiodati sulla croce, vide che il prezzo per quei peccati era stato pagato per sempre. Quando ci guarda ci vede perdonati, ci vede morti al peccato e capaci di vivere nella giustizia. Se noi crediamo che Gesù portò sulla croce i nostri peccati, dobbiamo credere anche che per le Sue lividure siamo stati guariti, perché la Parola di Dio è tutta vera o non lo è per nulla.

1Pietro 2:24 Egli stesso portò i nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce, affinché noi, morti al peccato, viviamo per la giustizia; e per le sue lividure siete stati guariti.

Se Dio dice che per le Sue lividure siamo guariti, chiaramente ci vede guariti, e se ci vede guariti, dobbiamo prendere la nostra guarigione! Quando siamo nati di nuovo, non solo siamo stati legalmente guariti, ma siamo divenuti strumento di guarigione per altri, perché nella famiglia di Dio la malattia è illegale ed esistono solo persone che guariscono.

La fede che si riceve per rivelazione deve avere tre elementi.
Bisogna conoscere bene la Parola di Dio e meditarla.
Chi non la conosce non può prendere le Sue promesse.
Nella parabola del prodigo (Luca 15) leggiamo che al ritorno del figlio il padre fece ammazzare il vitello ingrassato, cosa che il fratello maggiore non approvò e che lo portò a lamentarsi del fatto che a lui non aveva dato neppure un capretto. Parlava come un mendicante e il padre gli fece notare che ogni cosa che egli possedeva era anche sua. Quel figlio era erede, ma non lo sapeva.
Questa è la condizione di chi non conosce quello che Dio ha compiuto per noi nel sacrificio della croce. Il Padre dice a ciascuno di noi che tutto quello che è Suo è anche nostro e possiamo prenderlo.

2. Bisogna essere convinti che quello che Dio dice avviene.
Come chi ha la mentalità di povero continua a vivere da povero anche se accumula ricchezze, così sul piano spirituale per vivere secondo la volontà di Dio bisogna fare una transizione da una fede naturale a una fede per rivelazione e passare da un linguaggio naturale a un linguaggio soprannaturale. Dobbiamo anche parlare in altre lingue perché è il linguaggio del cielo, che crea l’atmosfera del cielo e ci prepara a ricevere le opere del cielo.

Abramo obbedì a Dio quando gli comandò di lasciare la sua terra per andare in un luogo che gli avrebbe mostrato. Si fidò di Lui e non Gli chiese dove lo avrebbe fatto andare, ma Abramo aveva un problema, era sterile e Dio gli promise un figlio. Visto che passavano gli anni e il figlio non arrivava, d’accordo con sua moglie pensò di averlo dall’unione con una schiava. Da quel rapporto nacque Ismaele. Così Abramo credette di avere risolto il problema della discendenza ricorrendo a un compromesso dettato dal razionalismo, ma non era quella la volontà di Dio, non era quello il figlio promesso. Anche lui dovette attraversare un processo e, come sul piano naturale ogni processo ha un inizio e una fine, così è anche sul piano spirituale. Abramo dovette vincere la fede sensoriale per arrivare alla fine del processo, dove si raccolgono frutti perché si diventa pienamente convinti della Parola di Dio.
Romani 4:19-21 afferma che Abramo non dubitò per incredulità alla promessa di Dio, ma fu fortificato nella fede e divenne pienamente convinto che Dio era potente da fare ciò che aveva promesso. Abramo aveva completato il processo! Non fu lui che dovette attendere i tempi di Dio, ma fu Dio che dovette attendere i suoi tempi. Dio non poteva dare un figlio a chi non era pienamente convinto e vacillava nella fede. Quando non vacillò più ricevette quello che Dio gli aveva promesso e nacque Isacco.

Bisogna mettere d’accordo il cuore con la bocca.
La bocca deve dire quello che si crede nel cuore.

Deuteronomio 30:14 Ma la parola è molto vicina a te; è nella tua bocca e nel tuo cuore, perché tu la metta in pratica.

Nell’epistola ai Romani (10:9) l’apostolo Paolo dice: poiché se confessi con la tua bocca il Signore Gesù, e credi nel tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato. 10 Col cuore infatti si crede per ottenere giustizia e con la bocca si fa confessione, per ottenere salvezza.

Teoricamente molti credono alla Parola, ma nella vita quotidiana non fanno che concentrarsi sulle circostanze. Dicono “Amen” quando in chiesa si dice che Dio è un Dio di prosperità e che tutto quello che è Suo è nostro, ma poi parlano in chiave negativa sulla base delle loro convinzioni mentali, sulla base dell’evidenza dei sensi e di fatto annullano gli “Amen” espressi in chiesa. In realtà abbiamo ancora la cultura diabolica che ci porta alla lamentela, ma dobbiamo sapere che se dichiariamo la prosperità avremo prosperità, se dichiariamo miseria avremo la miseria, se dichiariamo che c’è un Dio che si prende cura di noi, gli angeli si mettono all’opera per portarci la provvidenza.
Poiché Dio non può mentire, se non crediamo a Lui, crediamo a una bugia.

Alla croce tutto è stato portato a compimento, alla croce c’è la risposta a ogni nostro bisogno. L’apostolo Paolo afferma che Gesù ha provveduto a tutti i nostri bisogni sia naturali che spirituali.
2 Pietro 1:3 Poiché la sua divina potenza ci ha donato tutte le cose che appartengono alla vita e alla pietà, per mezzo della conoscenza di colui che ci ha chiamati mediante la sua gloria e virtù.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...