Schiavi dell’uomo

sciacalli
Testimonianza di Pry:

Se qualcuno un anno fa mi avesse detto che la mia vita non aveva delle sane fondamenta in Cristo Gesù ma che ero succube dell’uomo, cioè di un “ministro” e di ciò che mi diceva “da parte di Dio” non ci avrei creduto.

Ora grazie a Dio ho potuto aprire i miei occhi, è stato proprio così, ero completamente succube di ciò che egli diceva, io e mio marito ubbidivamo a tutto ciò che ci “comandava da parte di Dio” stravolgendo la nostra vita secondo la sua volontà, in parte non me ne rendevo conto ed in parte non avevo forza e coraggio di dire quello che pensavo fosse sbagliato. Ero così impaurita dal fatto che se non avessi fatto ciò che diceva mi avrebbe maledetta e messa nelle mani di satana…
Si… è questo che faceva, metteva nelle mani di satana le pecorelle del Signore che reputava miserabili peccatori non degni di stare alla Sua presenza, esse venivano abbandonate nel loro peccato in attesa di un qualche “segno”. Il tempo doveva far capire il loro stato e far giungere il pentimento (niente di più anti-biblico).

Provavo dolore per questo, e provavo dolore perché non vedevo lo stesso sentimento in lui, non vedevo sofferenza per i fratelli, né misericordia, ma solo giudizio e condanna.

È così che in me è iniziato un timore completamente sbagliato, credevo di avere il timore dell’Eterno e di fare la sua volontà e invece non era altro che puro timore verso l’uomo e la sua condanna. Questo “apostolo” aveva addirittura messo in mio marito paura vera e propria, gli disse che per avere maggiore fratellanza dovevamo cambiare casa trasferendoci vicino alla sua.
Mio marito doveva farlo ad ogni costo, niente doveva fermarlo, pure se fosse morta la nostra bimba! Io ero in totale disaccordo e non ero a conoscenza di quello che disse a mio marito. Credo sia stato un bene non saperlo perché non so come avrei potuto reagire. Alla fine abbiamo ubbidito, fu una decisione impulsiva e presa con paura. Per vari motivi il cambiare casa non fece altro che peggiorare la nostra situazione finanziaria.

Ho visto tanto odio. Ho visto maledizioni. Ho visto orgoglio e superbia. Mi è stato inculcato un Dio falso, un Dio che maledice e mette nelle mani di satana. Non ho visto amore, se non quello carnale e non secondo la Parola.
La cosa peggiore è che ero convinta di essere dalla parte giusta, di aver delle salde fondamenta nel Signore Gesù Cristo. Era veramente incredibile quanto fossi succube di lui, lo vedevo proprio superiore a tutti, con un rapporto straordinario con Dio in quanto “dialogava” con Lui ricevendo “profezie”… come avrei potuto mai dubitare?
Quando diceva che Dio gli aveva parlato, pensavo: -mi sottometto a lui visto che parla da parte di Dio- . Tutto ciò era semplicemente distruttivo, questo mi ha portata a confidare nell’uomo invece che in Dio.
Mi avrebbe detto lui quello che dovevo fare via via nella mia vita. Però questo nuovo modo di vivere mi dava anche strani sentimenti, mi chiedevo ad esempio come mai mio marito dovesse seguire quest’uomo come un cagnolino, non poteva anche lui avere questo dialogo con Dio?
Incredibile! Era lui che sceglieva al posto nostro: cosa fare, chi vedere, dove abitare, come vivere… intimorendo e usando parole suadenti mi convinceva a fare ciò che “Dio aveva comandato”. Solitamente tali comandi avevano come scopo l’essere riconosciuto leader a capo della “chiesa” che gli era stata affidata da Dio.
Dopo poco tempo quella realtà che vivevamo che credevamo fosse una chiesa vera si è dissolta: perché tutti i componenti erano stati messe nelle mani di satana, tranne noi ovviamente che eravamo i soli realmente ubbidienti e sottomessi.
Posso oggi riconoscere le parole dell’apostolo Paolo:
Romani 16:18 Costoro, infatti, non servono il nostro Signore Gesù Cristo, ma il proprio ventre; e con dolce e lusinghiero parlare seducono il cuore dei semplici.

Era così strano, mi chiedevo come mai in tutti ci fosse sempre qualcosa che non andava e ogni speranza di far aggregare nuovi fratelli svaniva in un soffio, mi dicevo: – possibile che siamo solo noi giusti? Non c’è nessun altro che vuole seguire il Signore ad ogni costo come noi? – .
Incredibile quanta superbia, ignoranza e quanto poco discernimento. Io e mio marito non provavamo mai quanto lui ci comunicava, e non osavamo contraddirlo, eravamo così ciechi e succubi… convinti di vivere un santa fratellanza!
C’era così tanta superbia in noi che si era arrivati a pensare di esser vicini alla perfezione in Cristo, questo ci ha portati ad indossare una maschera, quella dell’apparire santi di fronte al mondo a cui dimostrare la bontà di Dio per noi in qualsiasi situazione della vita.
1 Giovanni 4:1 Carissimi, non crediate a ogni spirito, ma provate gli spiriti per sapere se sono da Dio; perché molti falsi profeti sono sorti nel mondo.

Ogni tanto pensavo: – non sarà che ci vogliono accanto a loro senza sbatterci nelle mani di satana perché siamo troppo deboli per poterli contraddire? – Non so… può darsi, effettivamente con noi ha avuto un trattamento speciale, per questo abbiamo trascorso molto tempo assieme prima che anche noi ci separassimo.
In quel tempo ci siamo inebriati di false spiritualità, religiosità e santità che ci hanno reso ancor più difficile aprire gli occhi, inoltre eravamo pieni di timori, pensavamo che allontanarsi da lui era come uscire dalla volontà di Dio.
Questo “ministro” parlava spesso di grande unione, ma io ho visto solo anime spezzate e piuttosto disunione… parlava di amore fraterno, ma io ho visto odio verso i fratelli, anzi, spesso ho sentito proclamare che non erano tali… parlava di ubbidienza, che poi in realtà era sottomissione a lui per quello che era stato “chiamato a fare”… ho visto una persona che nel nome del Signore manipolava chi voleva innalzandosi al pari di Lui… che Dio possa avere misericordia di lui.

Ci tengo tanto a mettere in guardia quelle pecorelle deboli, che nel desiderio di fare la volontà del Signore ad ogni costo potrebbero non rendersi conto che davanti a loro c’è un falso profeta.
Matteo 24:11 Molti falsi profeti sorgeranno e sedurranno molti.

Questi usano la Bibbia per i loro scopi, e sicuramente non conoscono il vero messaggio del Vangelo e giustificano il loro stile di vita con la scusa della “libertà” in Cristo.

Sì, sono rimasta scottata… tutt’oggi faccio ancora così fatica a staccarmi da ciò che ci è stato inculcato, non mi rimane facile voltare pagina, mi pesa il male che anche io ho fatto nel tempo trascorso appresso a questo guru. Però riconosco che il Signore è stato buono con me, mi ha concesso la grazia di capire ciò che stava accadendo, e la possibilità di ricominciare. Ora il mio unico scopo è conoscere il vero Dio e non confidare nelle parole di un uomo ma nell’unica e santa Parola di Dio.
Salmi 118:8 È meglio rifugiarsi nel SIGNORE che confidare nell’uomo.
Salmi 119:105 La tua parola è una lampada al mio piede e una luce sul mio sentiero.

Testimonianza di Max:

“Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono verso di voi in vesti da pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Li riconoscerete dai loro frutti. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi?

Così, ogni albero buono fa frutti buoni, ma l’albero cattivo fa frutti cattivi.

Un albero buono non può fare frutti cattivi, né un albero cattivo far frutti buoni.

Ogni albero che non fa buon frutto è tagliato e gettato nel fuoco.

Li riconoscerete dunque dai loro frutti.” (Matteo 7:15-20)

Ringrazio Dio con tutto il cuore che mi ha liberato da una mortale schiavitù dell’uomo e mi ha aperto gli occhi convincendomi di peccato! Ora posso dire con franchezza di essere stato vittima di una macchinazione di Satana subendo del male e facendone altrettanto!

Circa un anno e mezzo fa, convinti di esser guidati da un vero desiderio di unione, cominciò un periodo di giustizia e condanna tra noi fratelli che portò invece solo divisione nella nostra chiesetta di circa 15 persone. Alla guida di questa macchinazione un fratello preso da se stesso e al quale noi abbiamo dato corda ubbidendogli senza indugiare.

In poco tempo molti fratelli sono stati messi con le spalle al muro, infatti avevano dei peccati, cercavamo di obbligarli a fare ciò che veniva dalle “rivelazioni” del nostro leader avute in preghiera da parte di Dio.

Essi dovevano staccarsi dalla comunità finché non si decidevano a seguirci secondo le nostre direttive. Eravamo convinti che noi seguivamo la volontà del Signore, quindi chi resisteva a tale volontà rischiava di “scadere dalla Grazia”. Essendo perciò fuori dalla Via del Signore, dovevano essere buttati fuori dalla chiesa.

Nel frattempo questo fratello ebbe “una chiamata in una città, come Apostolo di Cristo”. Cominciammo così a discutere (noi rimasti, cioè 4 giovani uomini e rispettive mogli) a parlare di riunirci tutti in questa città per crescere nell’unione e nell’amore fraterno, fu così che cominciammo a pregare.

Dopo qualche settimana ecco l’ennesima divisione, ad un fratello fu ordinato che doveva lasciare il lavoro, perché lavorare con il padre rappresentava un compromesso, infatti suo padre era uno di quelli ripresi e buttati fuori dalla chiesa. Era un rischio per lui e per il resto dei fratelli, in quanto il dialogo con suo padre poteva istillargli dubbi e creare disagi. Essendo questo fratello titubante abbiamo staccato da lui finché non si sarebbe deciso!

Ecco rimaste tre coppie. Come carro trainante c’era questo fratello che si dichiarava “apostolo” e il peggio è che noi glielo confermavamo!

Un giorno ricevetti una telefonata da lui: – il Signore mi ha detto che dovete cambiare casa a tutti i costi, niente può fermarvi neanche se dovesse morire vostra figlia! – .

Rimasi impaurito e frastornato, così pregai e “sentii” di ubbidire a quello che mi diceva: ero
convinto che fare ciò significava sottomettersi alla volontà del Signore. A mia moglie non dissi quella frase specifica… e facemmo il trasloco.

Dopo pochissimo arrivò un’altra batosta, l’altro fratello rimasto confessò all’ “apostolo” un suo peccato, e immancabilmente il Signore gli “rivelò” una cosa molto chiara: andava consegnato nelle mani di satana affinché si ravvedesse. Sentenziò poi che dovevano passare due anni prima che tale peccatore potesse ritornare in comunità.

Qui cominciai davvero a sentirmi strano, mia moglie in lacrime non capiva ma ogni volta che si parlava con questo “apostolo”, diceva che tutto faceva parte del prezzo e della sofferenza di seguire Cristo, e allora avanti…

Tutto quello che usciva dalla sua bocca erano “sante rivelazioni”, tant’è che pian piano smisi di leggere la Parola e di pregare: tanto c’era lui che mi diceva tutto quello che serviva tramite le “rivelazioni”. E io invece mi sentivo frustrato perché non riuscivo mai a sentire la “voce” del Signore come riusciva lui, così pensai che io ero un semplice servo e lui doveva essere la mia guida!… GRAVE ERRORE!

Nel giro di poco tempo furono messi nelle mani di satana ben cinque o sei persone, non si faceva a tempo a gioire di nuovi fratelli che dopo una “dose di amore” (FALSO AMORE), se capitava che resistevano a ciò che il Signore diceva tramite le “profezie” dell’ “apostolo” venivano brutalmente estirpati dalla comunione e gettati nelle mani di satana, spesso con un susseguirsi di maledizioni!!

Non mancava giorno che il nostro leader ci telefonava o veniva a casa nostra comunicandoci “nuove profezie”. Un giorno a casa mia disse che Dio gli confermava la “chiamata di apostolo” con dono di profezia, potenti operazioni e dono di guarigione… io apostolo con dono di fede e guarigione… e le nostre mogli serve del Signore con doni di profezia e saggezza. Mi dissi: che bello finalmente si fa sul serio!… POVERO ILLUSO!

Volendo essere più trasparenti possibile avevamo deciso di dirci tutto e così un giorno gli espressi quello che vivevo a livello mentale: paranoie, pensieri,… (non entro nei dettagli perché sarebbe troppo lungo). Parlando lui capì che queste cose lo riguardavano e anche lui aveva disagi simili.

Ci furono dei problemi con sua moglie e così, dopo qualche giorno, mi telefonò dicendo che a
sua moglie faceva troppo male quella situazione e che era pericoloso stare uniti. Dunque era meglio non vederci e non sentirci finché io mi fossi liberato dai miei disagi in modo da evitare di condizionarci con le nostre paranoie.

Poi ci fu una seconda telefonata nella quale mi disse che pregando il Signore capì come essere libero da quei suoi disagi simili al mio, però non condivise la soluzione perché diceva che io dovevo capirla da solo davanti a Dio!

Fu panico, eccomi solo con mia moglie! Mi caddero le montagne addosso! Una delle “profezie” diceva che io e lui eravamo “apostoli”, lui come Paolo, quindi avrebbe dovuto viaggiare molto ed io invece come Pietro, cioè rimanere nella città dove eravamo, dove avrei dovuto portare l’Evangelo… Dio avrebbe fondato una chiesa tramite me e io dovevo esserne una colonna portante!

Quindi cominciai ad uscire a portare l’Evangelo ma tornavo a casa frustrato e triste perché non riuscivo. Mia moglie e mia figlia le vedevo poco perché lavoravo tutto il giorno e la sera uscivo… eravamo divenuti quindi spenti e apatici… io e lei non facevamo più niente a causa delle miriadi di proibizioni che ci erano state imposte.

IN FIN DEI CONTI TUTTO ERA PER L’AMORE E L’UNIONE MA CI ACCORGEMMO CHE NON C’ERA NIENTE DI TUTTO CIÒ!!!

Dopo mesi che non mi sentivo più con questo “apostolo”, un giorno mi chiamò perchè era successa una tragedia nella sua famiglia, scusatemi ma non mi va di spiegarla, fu l’ennesima legnata! Da qui li vedemmo due o tre volte ma poi fui io a staccare da loro perché sapevo che ero ancora troppo condizionato e avevo l’angoscia a vederlo e a sentirlo. La loro vita (stile di vita) era cambiato completamente, era tutto troppo strano e tutto scusato con la libertà in Cristo, dunque preferii non lasciarmi condizionare.

Non ce la facevo più così gli dissi che non volevo più vederlo e sentirlo per un po’, perché ci
eravamo accorti che io e mia moglie eravamo estremamente influenzati da loro, in tutto e per tutto. Così decidemmo di andare via da quella città e tornare dove abitavamo prima, eravamo atterriti, pieni di paure, di angosce e finanziariamente messi davvero male.

Nel frattempo un giorno incontrammo i fratelli, “gli esclusi” dalla chiesa (che per grazia di Dio si erano riuniti) e una sorella venne da me per chiedermi di parlare. Ci era stato praticamente vietato di avere contatti con i fratelli: niente telefonate, cancellare SMS senza neanche leggerli, e-mail e altro, niente di niente! In quel momento provai una grande paura, mi batteva il cuore, non sapevo cosa dire, non c’era più “la mia guida a difendermi”, così nella paura e nell’ incertezza risposi: – no no niente discorsi… il Signore farà capire il momento! – . Così se ne andò!

La sera ricevetti un SMS da un fratello (Simone – solopergrazia) che mi diceva quanto ero infantile e che mi stavo comportando non secondo la Parola. Mi arrabbiai allora presi il telefono e cominciai a scrivere un SMS. Ero confuso e tremante. Cominciai scrivendo: – non posso starti a sentire, tu non sei nel Signore ma nelle mani di sa….. – ; non riuscivo a scrivere “mani di satana”, era difficile e tremavo. Quindi cancellai il messaggio e non risposi!

La mattina seguente trovai una lettera di questo fratello, quando vidi che era sua il cuore cominciò a battere a mille, mi tremavano le mani e in me il conflitto era: – la leggo o non la leggo? Meglio di no, altrimenti faccio un compromesso e satana mi attira fuori dalla volontà di Dio! -. Un pensiero forte rimbombava nella mia testa: – se la leggi perdi la fede!! -.

Ma grazie a Dio cominciai a leggerla… rimasi molto colpito, testimoniava di quello che aveva
vissuto. E da lì i dubbi e i conflitti aumentarono in me e mia moglie.

Decidemmo di rispondere alla lettera spiegando che aravamo confusi e non ci fidavamo più di nessuno e ci veniva rabbia al pensare a tutte le volte che ci è stato detto “il Signore mi ha detto” e molto altro ancora, dunque chiedemmo loro di lasciarci tranquilli perché non avendo chiarezza non volevamo più farci influenzare da nessuno.

Dalla prima sera che eravamo tornati nella nostra casa, cominciai a pregare intensamente e a leggere la Sua Parola e per la SUA GRANDE MISERICORDIA E PIETÀ IDDIO mi parlò moltissimo proprio tramite la Sua Parola! Cominciò a mostrarmi cos’è la vera libertà in Cristo ed ebbi la conferma che la libertà in Cristo non era quella che ci era stata presentata.

Pregai Iddio che mi convincesse di peccato e così mi mostrò tutti gli errori e i peccati commessi: superbia, orgoglio, maldicenza, condanna, giudizio umano e la cosa peggiore PURO SETTARISMO (frutti della carne Galati 5:19-21) e tutto ciò lo avevo commesso USANDO LA PAROLA E IL NOME DI DIO!!!!!!!

Tutto questo pensando di essere giusti e unici “santi cristiani” che seguivano la volontà di Dio!!!! Da qui il Signore ci ha spinti a chiedere perdono a tutti i fratelli ed in mezzo a mille paure, grazie anche al loro aiuto, ora siamo per grazia di Dio riuniti in Lui!

Mi rendo conto che abbiamo preteso di essere apostoli senza neanche capire chi è Cristo Gesù, senza capire l’amore di Dio, la misericordia e molto ancora e quanta ignoranza e orgoglio giovanile c’era dietro tutto questo!!

In quel giorno di quella tragedia che colpì la famiglia del nostro leader, Dio mi mostrò un
versetto che riassume tutto il nostro comportamento (purtroppo l’ho capito mesi dopo) che dice:

Ora, se sapeste cosa significa: “Io voglio misericordia e non sacrificio”, non avreste
condannato gli innocenti. (Matteo 12:7)

Noi abbiamo esattamente commesso questo: condannato i riscattati di Cristo Gesù!!

Che Dio abbia pietà e misericordia di questo falso apostolo che ha trainato tutte queste cose nel nome di Dio! E che abbia misericordia dell’ignoranza nella conoscenza di Dio e della Sua Parola dei Suoi figli!!!

State attenti a dipendere dall’uomo pensando che è Dio che parla tramite di lui, Egli ha lasciato una Parola scritta e lì troviamo tutto ciò che ci serve:

“Tutta la Scrittura è divinamente ispirata ed utile a insegnare, a convincere, a
correggere, e a educare nella giustizia, affinché l’uomo di Dio sia completo, pienamente fornito per ogni buona opera.” (2 Timoteo 3:16-17)

State lontani da coloro che hanno continue rivelazioni personali, che vi danno ordini o vi buttano addosso i vostri peccati lasciandovi in un angolo!

Ci tengo a confermarvi con alcuni versetti che tutto ciò che è stato fatto, il comportamento, le azioni e i frutti, è l’esatto opposto di ciò che la Scrittura ci insegna:

“Ma il frutto dello Spirito è: amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fede, mansuetudine, autocontrollo. (Galati 5:22)

“Fratelli, se uno viene sorpreso in colpa, voi, che siete spirituali, rialzatelo con spirito di mansuetudine. Bada bene a te stesso, che anche tu non sia tentato. Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo.” (Galati 6:1-2)

Quindi non buttateli fuori dalla chiesa come se niente fosse!

“Rivestitevi, dunque, come eletti di Dio, santi e amati, di sentimenti di misericordia, di benevolenza, di umiltà, di mansuetudine, di pazienza. Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi. Al di sopra di tutte queste cose rivestitevi dell’amore che è il vincolo della perfezione(Colossesi 3:12-14)

“Il servo del Signore non deve litigare, ma deve essere mite con tutti, capace di insegnare, paziente. Deve istruire con mansuetudine gli oppositori nella speranza che Dio conceda loro di ravvedersi per riconoscere la verità, in modo che, rientrati in se stessi, escano dal laccio del diavolo, che li aveva presi prigionieri perché facessero la sua volontà.” (2 Timoteo 2:24-26)

Questo bisognava vederlo in lui (e in me) se veramente eravamo servi di Dio!!!

“Sbarazzandovi di ogni cattiveria, di ogni frode, dell’ipocrisia, delle invidie e di ogni maldicenza… (1Pietro 2:1)

Abbiamo vissuto nelle maldicenze! Questa è una piccola parte che ci aiuta a riconoscere i veri e i falsi servi di Dio!

PROVATE OGNI COSA ALLA LUCE DELLE SCRITTURE! Che Dio vi benedica

FONTE:   voce che grida  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...