la seconda venuta di Cristo

La verità più significativa in tutta quanta la profezia biblica è la certezza della seconda venuta di Gesù Cristo.
Questo evento è la chiave profetica che apre tutti gli altri eventi futuri.
Essa costituisce l’adempimento tanto dell’Antico quanto del Nuovo Testamento, ivi comprese molte delle profezie dello stesso Cristo; completa la sua opera di salvezza cominciata nel corso della sua prima venuta, e mette in movimento l’orologio profetico di Dio per l’avvenire.
Infatti, la seconda venuta di Cristo fa scattare una serie di oltre quindici eventi, ed è così possibile predire la sequenza che porta alla fine di questo mondo, dopo la venuta di Cristo.
Questo tempo particolare ci è ignoto, perché Gesù disse di esso: “Ma di quel giorno e di quell’ora nessun uomo sa, neanche gli angeli del cielo, ma soltanto mio Padre” (Matteo 24:36 ).
Quantunque si possa speculare sull’epoca in cui il nostro Signore possa riapparire, non vi è assolutamente alcun dubbio che Egli ritornerà!
Questo fatto è la ragione principale per cui nessun cristiano dovrebbe essere in ansia circa la fine di questa era o dei tempi caotici nei quali viviamo.
Molti si fanno la domanda: “Sarà distrutto il mondo da un olocausto atomico?”.
Ovviamente questa domanda è motivata dalla paura per la propria sicurezza personale; in effetti questo mondo un giorno sarà distrutto, e forse proprio da una colossale esplosione nucleare (2Pietro 3:10-16 ), ma dopo che Gesù Cristo vi sarà ritornato.
Infatti, la completa distruzione del nostro mondo non avrà luogo se non dopo mille anni dalla Sua venuta (Apocalisse 20:7-10 ).
Gesù Cristo può essere considerato come la persona di gran lunga più importante che sia mai vissuta, perché certamente nessun altro uomo ha avuto un’influenza così estesa e così profonda sull’umanità.
Egli se ne è andato, ma non ha finito l’opera sua con questo mondo e con la gente che vi dimora.
Prima di andarsene dal mondo, ha fatto una promessa incondizionata ai suoi seguaci: “lo tornerò!” (Giovanni 14:1-4 ).
In nessun modo questa promessa può essere trascurata o elusa. Anche se uno studioso d’ingegno potesse darle un significato diverso, essa è ripetuta in tanti modi da non poter essere annullata.
Se il valore di un insegnamento dovesse essere giudicato dalla frequenza della sua citazione, allora la seconda venuta di Cristo conquisterebbe facilmente il posto di una delle dottrine più importanti della Bibbia. Solo l’argomento della salvezza viene presentato più spesso.
Dato che i 216 capitoli del Nuovo Testamento contengono 318 riferimenti alla seconda venuta di Cristo, è un versetto su trenta a darci la garanzia della sua veridicità.

Passi biblici del Nuovo Testamento sulla seconda venuta di Cristo.

Vangelo di Matteo.
Due interi capitoli: Matteo 24 e Matteo 25 , sono dedicati a questo argomento. Il “discorso dell’oliveto” (come è spesso chiamato) fu pronunciato poco prima che Gesù morisse.
Questo brano contiene la più importante e completa cronologia di eventi futuri che si trovi nelle Scritture, con la sola eccezione del libro dell’Apocalisse.
Consideriamo questa descrizione della seconda venuta di Cristo, offerta da lui stesso: “Or subito dopo l’afflizione di quei giorni, il sole si oscurerà e la luna non darà il suo splendore, e le stelle cadranno dal cielo e le potenze del cielo saranno scrollate. E allora apparirà nel cielo il segno del Figliuol dell’uomo; ed allora tutte le tribù della terra faranno cordoglio, e vedranno il Figliuol dell’uomo venir sulle nuvole del cielo con gran potenza e gloria. E manderà i suoi angeli con gran suono di tromba a radunare i suoi eletti dai quattro venti, dall’un capo all’altro dei cieli” (Matteo 24:29-31 ).

Vangelo di Marco.
Sebbene l’autore comprima in sedici capitoli la vita di Criito, egli dedica uno di essi (Marco 13 ) alle profezie dell’oliveto lui tempi della fine, culminanti nella seconda venuta di Cristo.

Vangelo di Luca.
Il grande storico del I secolo, il dottor Luca, incluse in due capitoli (Luca 17 e Luca 21 ), le profezie della seconda venuta di Cristo.
Si ponga mente a queste parole: “… E allora vedranno il Figliuol dell’uomo venir sopra le nuvole con potenza e gran gloria” (Luca 21:27 ).

Vangelo di Giovanni.
Il discepolo amato che sopravvisse a tutti gli altri apostoli scrisse la vita di Cristo circa cinquantanni dopo che questi era stato assunto in cielo. Benché egli non riprenda la profezia dell’oliveto, narrata dagli altri tre evangelisti, egli cita una delle più chiare promesse che siano uscite dalle labbra del Salvatore su questo argomento: “II vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me! Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no ve l’avrei detto; io vado a prepararvi un luogo; e quando sarò andato e vi avrò preparato un luogo, tornerò e vi accoglierò presso di me affinchè dove sono io siate anche voi” (Giovanni 14:1-3 ).

Atti degli Apostoli.
L’ottimo resoconto, ancora del dottor Luca sull’opera dello Spirito Santo attraverso i fatti degli apostoli, contiene diverse promesse della seconda venuta di Cristo.
Il primo atto di Cristo assunto in cielo fu di inviare due messaggeri angelici, i quali annunciarono ai suoi discepoli: “Uomini galilei, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù che è stato tolto da voi e assunto in cielo verrà nella medesima maniera che l’avete veduto andare in cielo” (Atti 1:11 ).
Inoltre, il primo sermone che Pietro predicò dopo la Pentecoste rammenta questa promessa data agli ebrei di Gerusalemme, molti dei quali senza dubbio avevano preso parte alla dimostrazione popolare per chiedere la morte di Cristo: “Ravvedetevi dunque e convenitevi onde i vostri peccati siano cancellati, affinchè vengano dalla presenza del Signore dei tempi di refrigerio e che egli vi mandi il Cristo che v’è stato destinato, che il Cielo deve ritenere fino ai tempi della restaurazione di tutte le cose, dei quali Dio ha parlato per bocca di tutti i Suoi santi profeti sin dal principio del mondo” (Atti 3:19-21 ).

Tredici lettere di Paolo.
Gli scritti dell’apostolo Paolo ebbero probabilmente una maggior influenza sulla Chiesa primitiva che non quelli di qualsiasi altro cristiano.
Queste epistole, lette e rìlette nelle chiese, furono accettate sullo stesso piano delle Sacre Scritture dell’Antico Testamento (2Pietro 3:15-16 ). Paolo impartiva un insegnamento di profonda dottrina, un’esortazione pratica, una correzione ed istruzione di molti aspetti della vita cristiana.
Tredici volte egli cita il battesimo e solo due volte la Santa Cena, tuttavia menziona la seconda venuta del nostro Signore ben cinquanta volte.

I Tessalonicesi è la prima lettera scritta da Paolo.
In essa egli citò in ogni capitolo a quei giovani credenti la seconda venuta di Cristo (1:9-10; 2:19-20; 3:12-13; 4:13-18; 5:1-24).
Poi ripetè con ancor maggiori particolari questa citazione in 2Tessalonicesi (1:6-10; 2:3-12).
Queste due epistole mostrano come fin dagli inizi dell’opera sua, e con insistenza, Paolo abbia insegnato senza ritardo ai nuovi convertiti la dottrina del ritorno di Cristo; infatti, egli rimase a Tessalonica solo tre settimane, prima che gli ebrei adirati lo cacciassero via.
L’amore dell’apostolo per la seconda venuta di Cristo traspare da queste parole piuttosto dure, dettate alla conclusione di 1Corinzi 16:22 “Se qualcuno non ama il Signore, sia anatema. Maràn-atà”.
“Maràn-atà” significa “il Signore viene”. Questa espressione ebbe una grande popolarità nel I secolo e diventò un modo comune di salutare e di congedarsi. I cristiani la includevano spesso nelle loro lettere e in alcuni casi anche i soldati ne fecero uso come motto, prima di partire per la guerra.
Il I secolo fu la più fervida ed evangelica generazione di cristiani della storia della Chiesa.
Il cristianesimo diede al mondo pagano una così forte impronta che col III secolo esso fu riconosciuto come religione di Stato.

Tutte le lettere di Paolo, tranne due, contengono uno o più riferimenti alla seconda venuta di Cristo.
E’ sottintesa in Romani 11:25-27 ; è presentata chiaramente in 1Corinzi 15:51-58 , dove è spiegata la resurrezione; è menzionata in 2Corinzi 1:13-14,5:6-10 .

La lettera ai Galati, che contiene una profonda discussione dell’opera di Cristo compiuta sulla croce, non ha un chiaro riferimento alla seconda venuta, sebbene un’allusione all’evento appaia in Galati 1:3-5 .
L’epistola agli Efesini presenta il cristiano in gloria, e “il giorno di redenzione” (Efesini 1:13-14,4:29-30 ) può soltanto significare il giorno della liberazione definitiva al ritorno in gloria di Cristo.

La lettera ai Filippesi contiene diversi riferimenti alla venuta del Signore, il più ampio dei quali è in Filippesi 3:20-21 : “Quanto a noi, la nostra cittadinanza è nei cieli, da dove anche aspettiamo come Salvatore il Signore Gesù Cristo, il quale trasformerà il corpo della nostra umiliazione, rendendolo conforme al corpo della sua gloria, in virtù della potenza per la quale egli può anche sottoporsi ogni cosa”.

In Colossesi 3:4 si ha questa esaltante promessa: “Quando Cristo, la vita nostra, sarà manifestato, allora anche voi sarete con lui manifestati in gloria”.

1 e 2 Timoteo sono come 1 e 2 Tessalonicesi; le lettere a Timoteo portano molti riferimenti alla venuta di Cristo. Infatti contengono due dei segni che sono manifesti oggi, i quali dimostrano già che siamo negli “ultimi giorni”.
Oltre a ciò, 2Timoteo 1:9-11,4:1-8 menzionano la “Sua apparizione”.

La lettera di Tito 2:12 contiene il consiglio di un servo di Dio veterano a un giovane predicatore, sul modo di servire l’opera del Signore nella Chiesa.
Paolo lo invita a spingere la gente a rinunciare alle sue “empietà e mondane concupiscenze… per vivere in questo mondo temperatamente, giustamente e piamente”.

Ebrei.
Questa lettera contiene una magnifica presentazione di Cristo, come adempimento dei tipi e simboli dell’Antico Testamento.
Una delle promesse del ritorno del nostro Signore afferma: “Così anche Cristo, dopo essere stato offerto una volta sola per portare i peccati di molti, apparirà una seconda volta, senza peccato, a quelli che l’aspettano per la loro salvezza” (Ebrei 9:28 ).
Quando siano considerati gli scritti di Paolo nel loro insieme, troviamo che solo due su tredici omettono la dottrina della seconda venuta, e uno di questi è la lettera a Filemone, uno scritto personale di un solo capitolo.
Non si può pertanto contestare che l’apostolo Paolo fosse assolutamente certo che il suo Signore e Salvatore sarebbe ritornato una seconda volta su questa terra.

La lettera di Giacomo.
Questo breve scritto, che sprona i cristiani a dimostrare la loro fede con le opere, culmina in un forte appello relativo alla venuta di Cristo: “Siate anche voi pazienti; rinfrancate i vostri cuori perché la venuta del Signore è vicina” (Giacomo 5:8 ).
L’apostolo Pietro, scrivendo alla Chiesa mentre era sottoposta alla prova delle persecuzioni, incitava gli anziani ad essere delle guide fedeli sul fondamento della venuta del Signore: “E quando sarà apparso il sommo Pastore, otterrete la corona della gloria che non appassisce” (1Pietro 5:4 ).
La seconda lettera di Pietro contiene una più lunga profezia concernente il sorgere di schernitori nei giorni che precederanno la venuta di Cristo. Egli afferma che nonostante le loro irrisioni, “il giorno del Signore verrà come un ladro nella notte” (2Pietro 3:10 ).

L’apostolo Giovanni.
La bella epistola che infonde nel credente sicurezza e fiducia, lo incita alla vita santa sul fondamento della venuta di Cristo.
Un esempio: “Ed ora, figliuoletti, dimorate in Lui, affinchè, quando Egli apparirà, abbiamo confidanza e alla sua venuta non abbiamo da ritrarci da Lui, coperti di vergogna” (1Giovanni 2:28 ).

Lettera di Giuda.
Questo scritto di un solo capitolo contiene una citazione del patriarca Enoch, il quale era in intima comunione con Dio durante i giorni caotici che precedettero il diluvio e che poi, improvvisamente, fu rapito da Dìo.
Genesi 5:24 dice: “Ed Enoch camminò con Dio; poi disparve, perché Iddio lo prese”.
Giuda ci dice: “Per loro pure profetizzò Enoch, il settimo da Adamo, dicendo: Ecco, il Signore è venuto con le sue sante miriadi a far giudizio contro tutti gli empi di tutte le opere di empietà che hanno empiamente commesso e di tutti gli insulti che gli empi peccatori hanno proferito contro di lui” (Giuda 1:4-5 ).

Infine, Apocalisse.
La Bibbia termina con un intero libro di profezie. Esso ci invita a uno studio di cose previste, dal primo secolo dopo l’ascensione di Cristo fino alla fine del mondo.
Si tratta di una completa rivelazione fatta da Gesù Cristo, il quale si presenta come glorioso Re del creato.
Il seguente sommario indica i singoli tempi di rivelazione del libro:
Apocalisse 1 : La presente gloria celeste di Cristo;
Apocalisse 2 e Apocalisse 3 : La rivelazione di Cristo con le sette età della Chiesa, dall’anno 30 al “rapimento”;
Apocalisse 4 e Apocalisse 18 : L’importanza di Cristo nel periodo delle tribolazioni;
Apocalisse 19 e Apocalisse 20 : La maestosa apparizione di Cristo sulla terra e l’instaurazione del suo regno di pace (il millennio), il quale è l’evento preannunciato da tutti i profeti nell’Antico Testamento;
Apocalisse 21 e Apocalisse 22 : L’annientamento della terra per opera di Cristo e l’affermazione del suo regno eterno.
L’ultimo capitolo, poi, contiene una perentoria approvazione di Cristo al libro stesso.
E’ come se Egli vi avesse apposto la sua firma personale, con queste parole: “lo, Gesù, ho mandato il mio angelo per attestarvi queste cose in seno alla Chiesa. lo sono la radice e la progenie di Davide, la lucente stella mattutina” (Apocalisse 22:16 ).
L’ultimo invito ai credenti di tutti i tempi è: “Colui che attesta queste cose dice: Sì, vengo tosto! Amen! Vieni, Signor Gesù!” (Apocalisse 22:20 ).
La parola “tosto” non si riferisce ai tempi di Giovanni, ma al fatto che Gesù verrà “improvvisamente”, ogni generazione di cristiani deve aspettarsi che il Signore venga “improvvisamente”.

Quantunque abbiamo riportato molti dei principali riferimenti alla seconda venuta del Signore, come si trovano in tutto il Nuovo Testamento, questo elenco non è affatto completo.
Ricapitolando, 23 dei 27 libri del Nuovo Testamento menzionano il ritorno del Signore sulla terra.
Dei 4 scritti che non ne parlano, il lettore deve ricordare che tre sono lettere di un solo capitolo, scritte originariamente a una persona particolare, su un argomento che non ha riferimento alla seconda venuta.
Il quarto, la lettera ai Galati, non si riferisce al nostro argomento in modo specifico sebbene, come s’è visto, lo faccia implicitamente.
Il puro peso della prova conduce alla conclusione che se qualcuno crede nella Bibbia deve pure credere nella seconda venuta di Cristo.
Non soltanto questa era l’oggetto di una convinzione universale e un fattore motivante della Chiesa primitiva, ma tutti gli autori delle Scritture nel Nuovo Testamento l’hanno menzionata e, dato che essi accettavano universalmente in modo così letterale la promessa del nostro Signore: “lo ritornerò”, possiamo noi comportarci diversamente?
II Nuovo Testamento, dunque, insegna il ritorno di Cristo, sia direttamente che indirettamente.
Numerose grandi dottrine ne dipendono in modo assoluto: per esempio, quella che riguarda la resurrezione dei corpi, infatti questa promessa non può essere adempiuta fino a che Cristo non ritorni (1Corinzi 15:20-24 ).
La vittoria di Cristo su Satana, più volte promessa, a incominciare da Genesi 3:14-15 , non sarà completa fino a che Cristo non ritorni.
Anche il riconoscimento di persone care nell’eternità e la prova fisica del nostro esser nati nella famiglia di Dio non sono resi evidenti fino alla venuta venuta di Cristo: “Diletti, or noi siamo figliuoli di Dio, e non è ancora reso manifesto quel che saremo; sappiamo però che quando egli sarà manifestato saremo simili a lui, perché lo vedremo come egli è; e chiunque ha questa speranza in lui si purifica come egli è puro” (1Giovanni 3:2-3 ).
La più importante dottrina in tutta la Scrittura, quella da cui dipendono tutte le altre, è la divinità di Gesù Cristo.

Egli ha promesso così numerose volte di ritornare che non c’è altro modo di rivendicare la sua natura divina se egli non ritorna.
Dio non può mentire o ingannare.
Se Gesù non ritorna, sarà colpevole, a dir poco, di frode, ma dato che una tale possibilità è incompatibile con la sua vita terrena, con le altre sue promesse, con la sua stessa natura divina, non si vede perché in questo caso egli avrebbe sbagliato.
Rimane il fatto incontestabile che egli disse: “Ritornerò!”.
Non si possono avere parole meglio di quelle pronunciate da Cristo stesso per confermare la Sua seconda venuta, del resto, non vi è nulla di così assoluto come la sua Parola. Gesù disse: “II cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Matteo 24:35 ).
Se crediamo che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, allora non dovremmo avere difficoltà ad aspettare la sua venuta.
Se ancora vi è qualcuno che non riconosce Gesù Cristo come l’Unigenito Figlio di Dio venuto in terra come uomo, vi consigliamo di provvedere al più presto possibile, disponendo i vostri cuori alla Sua Parola e ai Suoi insegnamenti, prima che egli venga e voi non ne restiate “fuori”, cioè non facendo parte del suo regno eterno.
Le Scritture, la storia e la logica umana gridano agli uomini di accettare come Salvatore il Figlio di Dio, Gesù Cristo, il quale morì per i nostri peccati, fu sepolto, risorse il terzo giorno, secondo le Scritture e verrà a giudicare i vivi e i morti.

Art tratto da:   http://www.incontraregesu.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...