ANSIETA°

Ansietà e preoccupazione

preoccupazione

Mal di stomaco, il cuore che batte a mille e la mente bombardata di milioni di pensieri. Forse a motivo di una decisione importante che devi prendere, forse a riguardo dei tuoi figli che stanno crescendo, forse a motivo di una relazione nella tua vita o forse per molte altre ragioni.

Ansietà e preoccupazioni sono fra i nemici peggiori che dobbiamo affrontare. Possono toglierci vita, energia, forza, gioia e pace e ci impediscono di concentrarci e focalizzarci sul semplice vivere la vita che Dio intende per noi.

E’ la libertà che Gesù ci ha dato attraverso la potenza del Suo sangue che può spezzare queste catene. Questa libertà è nostra oggi, libertà dalla malvagia forza distruttiva della preoccupazione.

Dio sapeva quanto importante sarebbe stato questo argomento e sapeva pure che ognuno di noi, prima o dopo, avrebbe affrontato questo genere di problemi e quindi ci ha spiegato con estrema chiarezza quello che tutti noi avremmo dovuto fare a riguardo della preoccupazione e dell’ansietà.  Il mondo ci dirà è che assolutamente normale essere preoccupati, che fa parte della vita e che se non ci preoccupiamo non siamo nemmeno normali, ma siamo degli irresponsabili.

Hai mai sentito questa espressione: “Un buon genitore si preoccupa per i suoi figli”?

Gesù ha detto con estrema chiarezza ed audacia di NON PREOCCUPARCI PER LA NOSTRA VITA. Questo è un comando, non è un suggerimento o un incoraggiamento.

Non preoccuparsi, non essere in ansietà!

Non preoccuparsi di quello che mangeremo, di quello che berremo, di quello che vestiremo o di qualsiasi altra cosa. Ha aggiunto che ogni giorno ha abbastanza affanno di per sé e che quindi è da schiocchi preoccuparci del futuro.

Attraverso la nostra preoccupazione non siamo in grado di cambiare niente, tanto vale quindi focalizzare la nostra attenzione sul Signore e vivere in Lui la nostra quotidianità.

Alcune persone sono così preoccupate del futuro da non far niente nemmeno nel presente. Preoccuparsi è come correre attorno ad un cerchio, non solo non ci porterà da nessuna parte, ma ci farà anche venire un forte mal di testa.

Gesù non ci ha solamente dato un comando di non fare qualcosa senza darci anche le indicazioni corrette di cosa fare invece. Non appena ci ha detto di non preoccuparci a riguardo di niente, ha subito aggiunto: “…Pensate agli uccelli del cielo…”

Credi che intendesse dire che non appena ci sentiamo preoccupati tutto quello che dobbiamo fare è uscire fuori e guardare in alto gli uccelli che volano nel cielo e questo avrebbe tolto di mezzo le nostre preoccupazioni? Ovviamente no!

Quello che intendeva dire è che la cosa migliore da fare per non permettere alle preoccupazioni di soffocarci è pensare a qualcos’altro. Pensare a quanto l’amore immenso ed eterno del Padre sia anche nei confronti di queste creature. Se Egli è così buono da prendersi cura anche degli uccelli del cielo, per quale strano motivo puoi pensare anche solo per un secondo che Egli non abbia cura di te? Egli si prenderà cura dei Suoi figli in maniera molto ma molto più amorevole.

Gesù ci ha spiegato che il modo migliore per vincere le preoccupazioni è pensare e focalizzare la nostra attenzione sulla bontà e l’amore del Padre. Se comprendiamo quanto Dio ci ama, il nostro cuore sarà traboccante di gioia, gratitudine e fiducia in Lui.

Confidiamo in Lui perché Egli ha cura di noi ogni singolo giorno della nostra vita.

Per Dio tu sei importante e a Lui interessano tutte le cose che ti riguardano.

Egli sa quello che ti è accaduto ieri, quello che sta avvenendo nella tua vita oggi, quello che stai pensando e come ti stai sentendo e conosce anche il domani che ha preparato per te!

Se la tua fiducia è nel Signore, non ci sarà niente che potrà accaderti più forte di te e del Suo amore per te. Con Dio potrai camminare mano nella mano anche attraverso la valle dell’ombra della morte sapendo che Lui non ti lascerà e non ti abbandonerà mai e che ti porterà fuori di lì.

Puoi essere certo che tutto andrà bene! Le cose del mondo sono temporanee, sono cioè soggette a cambiare. Questo pensiero dovrebbe portarci sollievo. Ogni tristezza, dispiacere o preoccupazione che in questo momento possono assalire la tua vita sono temporanee e destinare a cambiare.

Corri fra le braccia del Padre. Egli sa esattamente come prendersi cura di te, aiutarti, incoraggiarti e darti la via d’uscita.

Conoscere Dio significa amarLo, amare Dio significa avere fiducia in Lui. Egli ha cura di te più di quanto tu possa pensare ed immagina

fonte:  OASI DI GRAZIA

Annunci